Aria incondizionata

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 20 dicembre 2014 by Michele Nigro

1400760_658361454206372_608630744_o

Tosse nervosa da rigattiere, intercalare tra rabbie non dette

futura bronchite cronica di chi si fuma la vita

sintomo di una partenza rimandata,

sfianca il libero respiro l’irriverenza degli acari lettori

ospiti impaginati nel mio piccolo mondo polveroso.

La finestra è sempre la stessa

di passati space clearing

speranze rilanciate di continuo,

sposto vecchi mobili e sentimenti

per cercare nuove angolazioni

offuscate dal superfluo,

prove evolutive in corso, simulo esistenze

assetato di aria incondizionata

tento di percorrere senza arrendermi

corridoi alternativi d’ossigeno.

Roberto Benigni legge “Nigricante”

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 17 dicembre 2014 by Michele Nigro

Benigni legge Nigricante

Receptionist

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 16 dicembre 2014 by Michele Nigro

n5qa81

Una finta gentilezza da receptionist

s’infrange sulla scogliera tagliente e vera

di chi ha conosciuto l’umanità dell’io

l’odore del sesso senza inutili sorrisi.

La pelle interiore urla le proprie ragioni

anche quando è rivestita di maniere,

pretende sincerità ad ogni angolo del paese.

L’intimità allenata di anime scorticate

scandaglia con fare esperto i cuori educati della strada,

al dolore vivo propongono trucchi, giochi e frasi d’ufficio

ma gli occhi ormai sanno più di quel che le labbra dicono.

Self-destruction

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 dicembre 2014 by Michele Nigro

aigadetroit

Mi abbandono a pratiche cruente

infliggo a un corpo già partecipe

il colpo di grazia della mente,

piccole ferite per dare forma al dolore

pelle strappata in silenzio, bruciature da penna

future cicatrici come ricordi di una gita.

Prendo appunti su di me, lame per scrivere

un moderato autolesionismo da salotto

composto e pulito

tra sorrisi, pasticcini e la morte dentro.

“Caffè? Tè? Me?!”

Battute vecchie come il mondo,

intanto

un cane coerente, in strada

si stacca la coda a morsi

tra l’ilarità dei passanti.

Ikebana

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 13 dicembre 2014 by Michele Nigro

ikebana_chicas_hermosos_del_kimono_que_arreglan_tarjeta_postal-r68d3ce65ab34414aa1b688c250d58617_vgbaq_8byvr_512

Dispongo i rami recisi del mio agire

in spazi limitati dalla realtà,

gioisco dinanzi alla bellezza di fiori

ormai morti.

Non si accontenta

del suo effimero presente

la farfalla?

Existence

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 12 dicembre 2014 by Michele Nigro

medium_amants_du_flore

Nella realtà cristallina e perfetta

tutte le risposte dell’esistere,

le inutili diottrie speranzose

il poetico tergiversare illusorio

confondono il viandante onesto

sul percorso verso la felicità.

Il giovane orso

divenuto adulto

si accoppia con la madre,

non ricorda più

le trascorse primavere.

Le domande da risveglio

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 11 dicembre 2014 by Michele Nigro

10805574_10203292574863025_4582025582374469975_n

RQM

(Rapid Question Movement)

Affacciata alla finestra di un nuovo giorno di quella sua strana vita, si poneva le solite, veloci, puntuali domande in attesa del caffè in risalita lenta dal freddo notturno: “che pianeta è questo? in che paese mi trovo? in quale città?”. E ancora: “che lingua userò oggi, la stessa di ieri? quali gesti? sono sicura di essermi svegliata o sto ancora vivendo in un sogno? chi o cosa può darmi la prova che questa sia la realtà? è tutto vero o è solo uno tra i tanti punti di vista imposti dall’abitudine al falso?”. Tutto quello che di crudo e apparentemente presente i suoi nervi ottici trasportavano verso l’area cerebrale deputata alla rielaborazione dei dati, erano sequenze create da un artista del nuovo realismo elettronico e ritrasmesse nella sua, diciamo così, ‘coscienza’ o si trattava di un breve momento reale sfuggito al controllo del programma giornaliero che stava caricandosi nei meandri del sistema nervoso? Non l’avrebbe mai capito perché il margine di differenza, se mai fosse esistito quel margine, era limitato e impercettibile: tutto sembrava lineare, consequenziale, coerente. Maledettamente coerente. L’unica sbavatura era contenuta in quel suo capriccioso dubbio mattutino, un istante, niente di più, fatto di domande bizzarre e gettate nella mischia del risveglio, così per caso, a minare le sicurezze depositate il giorno precedente nella banca del sapere ordinario. Ogni alba una rinascita, una nuova lotta tra verità e apparenza. “Perché tutto è così com’è, e non in un altro modo? Perché proprio così?”. Si sentiva orfana di un’alternativa interiore prima ancora che visiva. Solo pochi interminabili secondi e tutto sarebbe tornato alla normalità: il sangue, fluendo da una modalità orizzontale e onirica ad una verticale e militante, avrebbe ricondotto le domande nell’ordine voluto dal programmatore supremo dell’io. La luce e l’aria fresca, instancabili sentinelle del risveglio, avevano atteso pazienti l’apertura del vetro della finestra ricoperto dalla condensa di una notte senza ricordo, pronte a colpire come sberle mattiniere il volto dubbioso della dormiente in procinto di scrutare e ascoltare la strada e i suoi dintorni. Giovane donna a spasso con cagnolino, operai sul tetto del palazzo in costruzione, ululato del solito canide prigioniero al secondo piano, torre del ripetitore nella stessa posizione da decenni a diffondere presunti cancri elettromagnetici, cane randagio che gironzolando fa la pipì su una ruota scelta in base a precise regole chimiche, flottiglia di colombi in volo, panni stesi mossi dal vento, inutile vociferare dai garage sottostanti, camion della spazzatura in ritardo, auto parcheggiate sotto casa in un ordine somigliante a quello del giorno precedente, montagne con paesini tipo presepe sulla destra e orizzonte marino con traghetto in fase di attracco di fronte, quasi coperto del tutto da un’edificazione costante nel tempo. Le sequenze di quartiere e della visuale concessa in quel punto del mondo erano state rispettate anche quella mattina, salvo alcune variazioni per rendere realistico e originale l’impatto sensoriale, passando da un giorno all’altro, mentre le domande eversive sfumavano lentamente dalla sua mente come le immagini di un sogno vissuto ma non catturato. Per sempre perso ma pronto a ripresentarsi sotto altre forme, con altre effimere domande sospese tra sogno e realtà, tra una ricerca inquieta della verità e l’accettazione rassegnata di una realtà rattoppata e indossata. Forse avrebbe posto a se stessa quegli stessi interrogativi anche affacciandosi dalla finestra di un hotel del quartiere Shibuya di Tokyo. Chissà! Sequenze differenti, medesimi dubbi. E un giorno l’avrebbe sperimentato.

Un odore prepotente di caffè interruppe la ricerca della verità.

10501721_778198015593593_5917600601550065927_n

Prefazione a “La Svolta” di Carmine Senatore

Posted in tuttologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 4 dicembre 2014 by Michele Nigro

Ho avuto il piacere di scrivere la prefazione all’ultima fatica dell’amico Carmine Senatore, disponibile qui.

tmpN1JNL1001(1)

Prefazione

Il mondo – anche se forse sarebbe più corretto parlare di mondi – che scaturisce dalla narrazione di Carmine Senatore è il risultato di un compromesso mai forzato tra il flusso di coscienza joyciano e l’atmosfera fantastica del paese meraviglioso di Alice: nel momento in cui il lettore entra in contatto con i personaggi partoriti amorevolmente dalla penna dell’autore, ha la costante sensazione di non trovarsi dinanzi a persone, seppur descritti come tali, con tanto di nomi, e resi vivi e verosimili da luoghi, movimenti e dialoghi, bensì a figure archetipiche, a ideali e simboli appartenenti a uno spazio onirico sospeso tra i fatti reali da raccontare, perché questo è il mestiere del narratore, e l’inconscio che è il vero autore. Le frasi brevi che innegabilmente caratterizzano il narrato di Carmine Senatore, sono come frame che hanno il delicato compito di mediare tra la poesia e la realtà, tra la mania descrittiva di altri autori (descrizioni che non mancano nei racconti di Senatore ma che svolgono un’azione fulminea, come quella delle molecole di acqua nel “torrente” a cui l’autore stesso fa riferimento all’inizio del suo testo parlando dello stream of consciousness non solo joyciano) e le immagini “iperuraniche” provenienti da un luogo inaccessibile e privato, forse fanciullesco e tradizionale, o solo sognato. Anche quando non si tratta di personaggi palesemente fantasiosi, si ha l’impressione di avere a che fare con dei “ponti” umani tra quella che noi definiamo realtà e la zona primordiale dello scrittore.

Continua a leggere

Il Blog di Beatrice Guarrera

Attualità, punti di vista, storie

ucronicamente

Just another WordPress.com site

Critica Impura

letteratura, filosofia, arte e critica globale

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

existence!

Le site de Jean-Paul Galibert

Holonomikon

Ai margini del caos, sul bordo dell'infinito

Poesia dal Sottosuolo

(prestarsi al mondo in versi)

Postnarrativa.org è un Blog di scrittura onde far crescere limoni e raccogliere baionette, Blog sotto cura presso CarrascosaProject

Quaderno di un bibliotecario

Diario di letture. Dal 17.09.2006 al 18.08.2013 ore 08.15 ho letto 118.055 pagine

R. Tiziana Bruno

(ladri di favole)

La legenda di Carlo Menzinger

libri: i miei, i tuoi, i suoi, i nostri, i vostri e i loro.

PrecarieMenti

Il blog dei lavoratori intellettuali sottosalariati e senza tutele.

Sentimenti usati e DNA mutato

Pensieri e Poesie di Andrea Leonelli

runtimethemovie

the serial science fiction at no cost

Emanuele-Marcuccio's Blog

Per una strada e altre storie...

Lega Nerd

Social Magazine scritto da nerd.

HyperNext

Connettivisti nel cyberspazio / Movimento in tempo reale

NAZIONE OSCURA CAOTICA

NeoRepubblica di Torriglia + Livorno Città Aperta

false percezioni

il blog di luigi milani

Angelo Benuzzi

Looking for the missing link

miglieruolo

La vita è sogno

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

LaMaisonDuMarronoir

il Blog di g.f.cassatella

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

1985-2000 Battipaglia città dello sport

libro scritto da Paolo De Vita sullo sport battipagliese dal 1985 al 2000

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.086 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: