Black out

Dopo cena, come un antico personaggio di storie spettrali mai più raccontate, mi incamminai verso la mia stanza per leggere. Sedendomi in poltrona cercai una posizione adatta per distribuire sul libro il fascio di luce derivante dalla candela. Avvicinai le pagine del “Moby Dick” di Melville e cercai di distinguere nel modo migliore le lettere stampate, nonostante i tremolii della mia fiammella esultante, forse, a causa di una sua riabilitazione storica. Improvvisamente ebbi la sensazione di rivivere (è proprio il caso di dire) sotto un’altra luce le scene dell’invasato Achab sul ponte del Pequod e sembrava quasi di vedere proiettate sul muro della mia stanza le sue allucinazioni insonni e le sue febbricitanti promesse di una caccia alla Balena Bianca che lo avrebbe visto sconfitto.

Rividi le luci delle caldaie del Pequod mentre scioglievano il grasso delle balene uccise e le fiammelle della stiva di prua dove dormivano gli esausti marinai delle impavide lance.

E mentre stavo per arpionare Moby Dick sul soffitto della mia stanza, ecco che fece ritorno, quasi a malincuore, la corrente elettrica e quindi la luce

(tratto da Elettroshock)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: