Esocitosi

(continuando dal post “Andare di moda”) <<Un’empatia materialistica tra simili (o meglio, tra dissimili se consideriamo la legge romantica della equa distribuzione delle ricchezze non più tra classi sociali, come auspicato da Marx in vista dell’eliminazione delle stesse, ma più semplicemente tra “furbi” e “non furbi”) che esclude chi non è attratto (i “non furbi”) dalla prevaricazione dell’Avere: chi non è affetto dalla stessa febbre, oserei dire fortunatamente, viene espulso (esocitosi) dal corpo malato di una società che andando al di là del semplice e necessario welfare ha deificato l’Essere Vuoto ma benestante.

Disadattato sarà chi sceglie di essere un “non furbo” o, per dirla con linguaggio statistico, uno meno frequente. L’inadeguatezza (sociale, economica, persino affettiva) diventa una sensazione costante perché non si posseggono gli strumenti necessari per il soddisfacimento di quei parametri convenzionalmente accettati dalla massa e soprattutto, cosa ancor più grave da un punto di vista psicologico e filosofico, non si hanno i mezzi per il raggiungimento di una Autocoscienza capace di liberare l’uomo dalla morsa del giudizio standardizzato.>>

(da “La bistecca di Matrix”, pag. 4-5)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: