“Due mondi” e l’ecologismo postumano di Francesco Verso

Speranza: è la parola che proporrei se fossi costretto da un gioco di sintesi a scegliere un termine in grado di rappresentare il mio stato d’animo dopo la lettura del racconto “Due mondi” di Francesco Verso (collana Capsule – ed. Kipple).

“Due mondi” è una storia ‘post cataclismatica’ che il Ballard de “Il mondo sommerso” avrebbe senza dubbio apprezzato: se non altro per il riferimento indiretto all’archeopsiche, all’immaginario collettivo dei postumani protagonisti del racconto, gli Aeromanti e gli Aquamanti, che popolano un futuro pianeta Terra profondamente modificato. Da apprezzare la scelta di non collocare il destino postumano dei terrestri nello spazio, proiettandoli verso obiettivi intergalattici inflazionati.

È un racconto portatore di un chiaro messaggio ecologista e animato da una sorta di mini-quest: l’Autore oscilla tra la fiducia nella scienza, e nella biotecnologia in particolare (Francesco Verso è un autore trans-postumanista “dichiarato”), e la consapevolezza visionaria che dovrebbe accompagnare – per evitare catastrofiche derive scientiste – le azioni degli utilizzatori finali di una scienza che svela meccanismi intimi. Nella ricerca di una Torre del Seme (già in altre occasioni letterarie, il raggiungimento di altre autorevoli torri ha simboleggiato la fine della quest e l’inizio di un’epoca migliore) s’intravede il “destino genetico” della Terra e la possibilità concreta di un futuro. La biotecnologia come problema e soluzione.

In “Due mondi” un forte didascalismo scientifico impregna persino i dialoghi che non costituiscono i punti forti del racconto: tutto deve contribuire a spiegare, nel breve spazio di una novella, un processo di trasformazione che ha attraversato i secoli. Un didascalismo necessario, insomma, che innalza l’atmosfera epica di una storia fantastica ma che poggia su basi scientifiche. Il racconto di Verso è un science fantasy in piena regola che non rischia mai di esondare nel grottesco.

A dispetto di certe scellerate teorie estinzioniste, che intravedono nella scomparsa della razza umana l’unica soluzione possibile ai mali del mondo, in “Due mondi” l’evoluzione postumana e la conservazione della memoria rappresentano gli unici veri strumenti della speranza. Fa piacere, quindi, constatare che nel punto di congiunzione tra i due mondi descritti da Verso a non essersi ancora estinta è proprio la solidarietà: quella esistente tra i “diversi” – gli Aeromanti e gli Aquamanti – e che spesso nella storia umana ‘reale’ ha rappresentato la carta vincente dal punto di vista socio-culturale, genetico, geopolitico… Una solidarietà tra diversi, insolita ma non impossibile, che contrasta con il rapporto crudele esistente, ad esempio, tra Eloi e Morlock nel film “L’uomo che visse nel futuro” di George Pal, tratto dal romanzo di H. G. Wells “La macchina del tempo”.

Rispettata, invece, è la visione ‘purgatoriale’ della tradizione post apocalittica: ancora una volta l’essere umano, seppur evoluto e dimentico del proprio cammino filogenetico, è costretto a toccare il fondo, a sfiorare l’estinzione e a perdersi nei meandri del tempo prima di poter riconquistare quella coscienza collettiva necessaria a una salvifica risalita. Una rinascita umile, vitale, urgente e non dettata da interessi economici e politici. La prospettiva di un ritorno su passi evolutivi già compiuti – dal mare alla terra – in epoche remote ma impresse in una sorta di ‘immaginario genetico’ trasmesso nei secoli da una generazione all’altra. La riscoperta del valore della terra quale panacea di tutte le crisi: il gesto naturale della semina da contrapporre alle sofisticazioni genetiche del passato.

Numerosi sono i rimandi letterari e cinematografici riscontrabili nel racconto “Due mondi” di Francesco Verso: dal panecologismo del film “Avatar” all’epopea umana descritta nel romanzo “Infinito” di Olaf Stapledon; dall’invito a ‘volare alto’ de “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach alla speranzosa voglia di rinascita del mondo post apocalittico di “Conan il ragazzo del futuro”, l’anime di Hayao Miyazaki tratto dal romanzo “The incredible tide” di Alexander Key. Dalla solidarietà tra “diversi”, ovvero tra volatili e felini, magistralmente descritta nel film d’animazione “La gabbianella e il gatto”, tratto da un romanzo di Luis Sepúlveda, allo scenario ‘acquatico’ del film post apocalittico (e direi anche postumano) “Waterworld” diretto da Kevin Reynolds.

Come accade con la migliore letteratura fantastica/fantascientifica, “Due mondi” propone al lettore una visione sul futuro e una seria riflessione sulle scelte di oggi.

(nella foto: Francesco Verso)

Annunci

2 Risposte to ““Due mondi” e l’ecologismo postumano di Francesco Verso”

  1. […] “Due mondi” di Francesco Verso (racconto)                               https://michelenigro.wordpress.com/2012/05/02/due-mondi-e-lecologismo-postumano-di-francesco-verso […]

    Mi piace

  2. […] Nigro recensisce Due mondi, di Francesco “Xabaras” Verso, sulle pagine del suo blog. Lo fa con toni entusiastici e per questo copiamo e incolliamo, qui sotto, un passo della […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: