I POETI NOMADI: maggio 2012

È on line il numero di maggio de “I POETI NOMADI”, rivista polidiomatica di arte e cultura a vocazione castigliano-europea, curata dall’argentino Martín “Poni” Micharvegas e dall’italiano Enea Biumi. Tra i vari Autori presenti nella sezione POESIA anche il sottoscritto, con il componimento ‘psicogeografico’ intitolato “Esortazione antifuturista del sabato sera”. Particolarmente interessante uno stralcio tratto dal Manifesto poetico della rivista, a firma di Enea Biumi, che di seguito ripropongo: <<… “Produzione, efficienza, consumo”: questo era il patto di sopravvivenza. Mentre noi eravamo accusati di inefficienza, ozio e passività. Chi ci poteva ascoltare? In seguito, udimmo un blues provenire dal fondo della strada. Quattro, cinque suonatori avanzavano verso di noi cadenzando le note col corpo. C’era un odore strano nella via. Come di frittelle bruciate, o caldarroste alla festa del paese. Il sassofonista guardò verso di noi. E ci sorrise. Poi non capimmo più nulla. Il canto di un muezzin si accordava alla melodia di un rabbino. Un bianco lavava i piedi ad un nero. E un bramino s’accompagnava ad un paria. Questo vedemmo. E fu come se il sole improvvisamente nascesse ad occidente o il deserto si popolasse di foreste impenetrabili. Fu allora che conoscemmo il valore della poesia. Ma che cosa fosse, perché ci fosse e perché avesse contagiato noi, questo non lo sapemmo. Nonostante ciò, ne andavamo fieri. Sebbene ancora i più, qui in Europa, continuassero a sbeffeggiarsi di noi. Avevamo altri luoghi, altri tempi, altre storie da raccontare…>> Esegetica, direi, la spiegazione data da Alessio Magnani nel brano “Amo la parola nomade”: <<… Il nome poeti nomadi spiega la poesia come va vissuta necessariamente oggi, su una linea incerta di confine e in un territorio che non esiste più, fuori dalle cose a portata di mano, anzi del tutto fuori mano. E pensare a quante cose si vedono da una linea di confine: è uno stare in bilico sospesi, comunque uno stare, ed un giudicare soprattutto. E giudicare, scegliere il confine del bene e del male fa poesia oggi…>>

Buona navigazione/lettura.

Martin Poni Micharvegas

Giuliano Mangano (Enea Biumi)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: