Obiettivi arcaici

147492956517049659_hyRr5MGu_f-e1347805023905“Il mio modo arcaico di fare poesia nasce dall’esigenza di fornire, prima di tutto a me stesso e poi anche all’eventuale lettore, un’immagine scremata, sobria, asciutta, arcaica appunto di ciò che la vita mi fornisce quotidianamente o mi ha fornito in passato. Questa scelta, a volte, va a discapito di quella poesia concepita come intrattenimento piacevole e di una metrica ‘educata’ e matematicamente coerente. La rima è al servizio di una ‘filastrocca primordiale’ perché l’obiettivo del verseggiare è la ricerca di una verità seppellita sotto tonnellate di avverbi, aggettivi inutili e di immagini collettive di origine televisiva che non appartengono all’individuo. Uno degli obiettivi della poesia è ‘ripulire’ l’Io da certi prolungamenti prosaici per ritornare alle origini del pensiero. I singoli versi composti da non più di tre o quattro parole, determinano nella mente del lettore la formazione di frammenti lapidari, scomodi da leggere, grezzi, sacrificando consapevolmente la bellezza e la musicalità, e rasentando in alcuni casi un’ossessiva paronomasia. Anche le ricerca di una ‘rima interna’ contribuisce ad alimentare un suono ossessivo che è catarsi.” (m.n.)

Vent’anni

Roventi ferri dormienti
di ruggine pazienza
bollenti bulloni morenti
sferragliante partenza.

Inesorabili fischi trilli
con lamenti di molle
instancabili estivi grilli
scuri armenti tra le zolle.

Treni trainanti troie
verso città di studio
e civiltà in tripudio
sui seni allattanti noie.

***

Fuoco antico

Accese nervature lignee
come dolori scoperti
lambite da lingue sanguigne
chiome di calori incerti.

Bocca di calda grappa
morente su ceppi meditati
vene di antica mappa
silenziosi vecchi antenati.

***

Il tempo

Inchiostro rosso riesumato
come sangue bollente
di un mostro grosso trascurato
che langue incoerente.

Sberleffi di gente morta
facili previsioni.
Sonori ceffi su mente corta
gracili ribellioni.

Una fede passiva
conta gli anni
occasione furtiva
un’onta d’inganni.

Io amai la goccia
per la pazienza viva
osservai la roccia
d’antica sembianza priva.

Coscienza e dolori
richiedono vendetta
la terra e gli odori
già odono la vetta.

***

Fiori di strada

Poesie sgranate
ermetici rosari
rivedute carte
perdute e amate
fonetici calzari
eresie in arte.

Orfani puri
assenti tutori
gerani duri
coscienti untori.

Fiori di strada
follia invidiata
cori di rada
morìa agognata.

Accademici idioti
appassite vigne
anemici zeloti
indispettite tigne.

***

Ritorni di carta

Professori in scaletta
manifesti a colori
signori in giacchetta
vani gesti e scalpori.

Presuntuosa stirpe
sofferenti pagliacci
untuosa sirte
tra morenti ghiacci.

Riscoperti autori
d’alienati meriggi
deserti di umori
costipati miraggi.

Cartaceo coìre
per serate uggiose
grigiaceo morire
dimenticate spose.

Diaspore letterarie
dai cassetti profanati
idrovore precarie
fazzoletti incorniciati.

Advertisements

Una Risposta to “Obiettivi arcaici”

  1. […] “Dottore in Niente” Nigro ha pubblicato sul suo blog le indicazioni delle sue preferenze sul suo far poesia. Il profilo che ne fuoriesce è decisamente […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: