A world of words

10615475_861072917259905_3454842266322227057_n

Le parole pronunciate oggi

e quelle scritte con fierezza

risiedono nelle viscere fetide

del mondo

da prima che tu nascessi

da prima dell’uomo.

Non crei nulla,

…………………

rilassati!

Annunci

8 Risposte to “A world of words”

  1. Posso dire?
    Qualche volta..”Meno male!” 😉

    Mi piace

  2. E perché un senso dovrebbe esserci solo nel “creare” e non anche nel “trasformare”, nell’adattare, nell’usare.. nel consumare fino allo sfinimento.. le parole stesse?
    La parola “nuda” è per noi che diventa “creazione”. Come se noi ci creassimo “nuovi” per lei. Ogni mio “sfiorarla” mi fa nuovo, crea un altro me.. sempre diverso..
    Poi.. posso anche “rilassarmi”!..

    Liked by 1 persona

    • Ed è in nome di ciò che giustamente sostieni che si continua a scrivere e a parlare… Per tutto questo e per molto altro si combatte. Ma c’è una “fonte primaria” che comanda tutto, anche il moderno adattamento delle parole alle nuove esigenze.
      Come canta Battiato:
      “L’impero delle parole
      la distinzione tra bene e male
      la ripida discesa dal cielo alla terra
      disperata verso l’incarcerazione
      fu quello che fu
      la circumnavigazione
      i nomi che si diedero alle cose
      la gioia e il dolore dell’esistere
      l’enigma del consenso
      le emozionali imprese della specie
      fu quello che fu, tutto fu quello che fu.”

      Ci ricordiamo di quello che fu? Non sempre, anzi quasi mai… da qui l’illusione del creare…

      Mi piace

      • Rileggo i versi e tutti i commenti..
        Mi vengono in mente altri pensieri, forse non “inventeremo” niente di nuovo, ma ogni creazione è nuova, non la vedo come illusione, bensì come “possibilità”, ma anche come capacità perché se l’invenzione è spesso dovuta al caso.. la creazione è pensata, scelta, ragionata, contemplata.. Partire da una base che già “è” per modellarsi nuovamente, creando nuova vita, nuovi pensieri, nuove atmosfere.
        Non ti capita mai di rimanere a bocca aperta di fronte alla capacità che hanno alcuni di usare la parola per descrivere un qualcosa anche di semplice? E in quel momento non è come se assistessi ad un qualcosa di “nuovo”? Ad un qualcosa di sconosciuto che suscita in te sensazioni nuove?
        Rilassarsi dunque? ^_^ No no.. cercare, provare e sperimentare.. per creare nuovamente.. sempre! 😉
        Che poi alla fine è quello che fai anche tu..

        Liked by 1 persona

      • sì… è così, sperimentare sempre e quindi creare ma il mio rilassarmi inevitabile avviene dinanzi agli archetipi che esistono da quando esiste il concetto di tempo… grazie per essere ritornata sul “luogo del delitto” 😉

        Mi piace

      • È sempre un piacere! 😉

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: