Antonio Scarpone: poeta vernacolare

I casalini [1]  (r’u Uauru)

Oramai se vèrene sule prète nu poche cupèrte ra frasche,

prète ca coccarunu ‘e mise una ‘ngoppa l’ata

e ognuna è servuta cchiù cca ‘na vota…

Siti spuntati, ngoppa ‘a roccia,

nu pocu accuati, pecché nun v’aiveve fa verè…

Cumm’a r’acena r’uva vicine i spruzzi

ca prima crèscene, maturene e po’,

a poche a poche, se sècchene

e rumanene sule re scorze,

accussì, vui, ddà siti rumasti,

manc’u tièmpu v’e cancellate!

Verènneve oi, sèmbra passate chisà quanta tièmpu,

ma si une nge pènza, nun è passate po’ tanta

ra quanne ng’era ‘na morra re ggènte!

Cumme ve vulèsse verè chini re ggénte,

ma chèste, re sacce, nun è pussibbile,

e allora m’accuntentasse re tène tanta soldi

pe putè costruì nu grattacièlu o biviu…

Sì, pocu luntane r’o cimmitère,

addu reposene tanta re chiri

ca se so’ sèmpe sentute r’Uauru!

E ddà, inda ‘stu grattacièlu, vulèsse purtà,

accussì ca ve putèssene verè ogni matina,

tutti chiri ca tènene nu poche a cchè ffà c’u Uauru:

chi s’è spusate e se n’è gghiute,

chi se n’è gghiute pe fateà

e chi vulèsse ma nun pote turnà…

…e, pecchè no!, pure chi tenésse piacère re ng’venè!

I casalini (di Galdo)

Ormai si vedono solo pietre un po’ ricoperte dai rovi,

pietre che qualcuno ha messo una sull’altra

e ognuna è servita più di una volta…

Siete sorti, sulla roccia,

un po’ nascosti, perchè non dovevate farvi vedere…

Come gli acini dell’uva vicino ai grappoli

che prima crescono, maturano e poi,

un po’ alla volta, si seccano

e rimangono solo le bucce:

così, voi, là siete rimasti,

neanche il tempo vi ha cancellato!

Vedendovi oggi, sembra passato chissà quanto tempo,

ma se uno ci pensa, non è passato poi molto

da quando c’era un viavai di persone!

Come vorrei vedervi pieni di persone,

ma questo, lo so, non è possibile,

e allora mi accontenterei di avere tanti soldi

da poter costruire un grattacielo al bivio…

Sì, poco lontano dal cimitero,

dove riposano tante di quelle persone

che si sono sempre sentiti di Galdo!

E là, in questo grattacielo, vorrei portare,

in modo che vi vedessero ogni mattina,

tutti quelli che hanno ancora un po’ a che fare con Galdo:

chi si è sposato e se n’è andato,

chi se n’è andato per lavoro

e chi vorrebbe ma non può ritornare…

…e, perché no!, anche chi avrebbe piacere di venirci!

Agosto – 7 Dicembre 2005


[1] Casalini: sono le abitazioni poste a monte del paese, abbandonate quando molti Galdesi emigrarono negli Stati Uniti e in molti non tornarono più.

‘Na vicchiarèdda

Ng’è ‘na vicchiarèdda,

c’àbbita pocu luntane r’a casa mia,

ca se ne stai sèmpe sola

assettata a ‘na seggiulèdda

‘ngoppa ‘u ballaturu ‘nnanzi ‘u purtone suiu…

eppure nu poche cchiù sotta

s’accogliène tutte l’ate fèmmene

pe fà cufècchie e pe sparlà:

tènene ‘mmocca pure a Criste!

‘A viri sèmpe re spalle a llore

e guarda vèrse ‘ngoppa,

quasi pe nu’ re ddà rètta!

È tant’aggarbata quanne te saluta,

chiamannete sèmpe pe nome,

e accussì, senza fà mai nu cuntu,

passa, ra tanta tièmpu, re ghiurnate!

Vulèsse trase ‘ngapa suia

pe verè che pènza e quali so’ i ricordi suoi,

pecchè je nun pozze penzà

ca, oramai, aspètta sulu nu poste ‘Mparavise!

Una vecchietta

C’è una vecchietta,

che abita poco lontano da casa mia,

che se ne sta sempre da sola

seduta su una sediolina

sul ballatoio davanti al suo portone…

eppure un po’ più sotto

si raggruppano tutte le altre donne

per fare pettegolezzi e per sparlare:

non risparmiano neppure Gesù Cristo!

La vedi sempre di spalle a loro

e guarda verso sopra,

quasi per non dar loro retta!

È così gentile quando ti saluta,

chiamandoti sempre per nome,

e così, senza mai raccontare nulla,

passa, da tanto tempo, le giornate!

Vorrei entrare nella sua testa

per vedere quello che pensa e quali sono i suoi ricordi,

perché io non posso pensare

che, ormai, aspetta solo di andare in Paradiso!

 Settembre-Novembre 2010

 ————————–

Antonio Scarpone, nato a Salerno il 13/12/1968, ha sempre vissuto a Galdo degli Alburni, piccola frazione di Sicignano degli Alburni (SA).
Dopo aver alternato vari lavori precari allo studio, ha ripreso quest’ultimo laureandosi in Lettere Moderne, presso l’Università degli Studi di Salerno, con una tesi in Letteratura Italiana, Il “prigioniero” nel Diario d’Algeria di Vittorio Sereni, relatore il prof. Alberto Granese. Si è abilitato in Geografia e insegna tale materia negli Istituti Superiori.
I suoi interessi vanno verso la storia locale, anche con l’ausilio di quelle che sono definite “nuove fonti”, nonché il cinema e il turismo.
Scrive poesie, poche a dire il vero, soprattutto in vernacolo, e racconti, dal 1992, ma non ha ancora al suo attivo pubblicazioni.
Ha pubblicato, intanto, il saggio “Il Classicismo attraverso il Cinema” sui numeri 11 (ottobre-dicembre 2006) e 12 (gennaio-marzo 2007) della rivista letteraria trimestrale “NUGAE scritti autografi” diretta da Michele Nigro.

Ha partecipato a numerosi premi letterari risultando 1° classificato 22 volte, ottenendo piazzamenti, Menzioni Speciali e Segnalazioni in numerosi altri Concorsi.
Sue poesie e racconti sono inseriti in varie antologie e pubblicati su siti letterari e culturali, nonché sulle seguenti riviste e periodici: “Il Saggio”; “Il Corriere a Sud di Salerno”; “Brontolo”; “Il Convivio”; “Nugae scritti autografi”; “Verso il futuro”; “UNICO, il settimanale del salernitano”; “Bella Partenope”; “Il Tecnologo”; ecc.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe - scrittore, giornalista, critico letterario - blog

Quaderno di un bibliotecario

Scarica GRATIS "Avanti e indietro" il romanzo digitale di Gabriele Prinelli. E' il regalo del QUADERNO per il NATALE 2015

Emanuele-Marcuccio's Blog

Per una strada e altre storie...

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

LaMaisonDuMarronoir

il Blog di g.f.cassatella

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

miglieruolo

La vita è sogno

NAZIONE OSCURA CAOTICA

NeoRepubblica di Torriglia + Livorno Città Aperta

runtimethemovie

the serial science fiction at no cost

PrecarieMenti

Il blog dei lavoratori intellettuali sottosalariati e senza tutele.

La legenda di Carlo Menzinger

libri: i miei, i tuoi, i suoi, i nostri, i vostri e i loro.

R. Tiziana Bruno

(ladri di favole)

DEDALUS: corsi, testi e contesti di volo letterario

Appunti e progetti, tra mura e spazi liberi

Poesia dal Sottosuolo

(prestarsi al mondo in versi)

Holonomikon

Ai margini del caos, sul bordo dell'infinito

existence!

Le site de Jean-Paul Galibert

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

ucronicamente

Just another WordPress.com site

Il Blog di Beatrice Guarrera

Attualità, punti di vista, storie

Rivista ContemporaneaMente Versi

Rivista di Poesia Contemporanea Sperimentale e Non Solo

La Cuspide Malva

prendi questo valzer con le labbra chiuse

i sensi della poesia

e in pasto diedi parole e carne

La Camera Scura - il blog di Vincenzo Barone Lumaga

Parole, storie, pensieri, incubi e deliri

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Lega Nerd

Social Magazine scritto da nerd.

HyperNext

Connettivisti nel cyberspazio / Movimento in tempo reale

false percezioni

il blog di luigi milani

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: