Elogio dell’inutilità della letteratura

Riesaminando col senno di poi certe avventure editorial-letterarie, quanta fede cartacea percepisco al di sotto di quella cenere mnemonica, quanta ingenua leggerezza e quanta passione impiegata nei pomeriggi invernali di qualche anno fa, in cerca di visibilità e di immortalità… E’ tutto sprecato? Gli archivi dell’esperienza conservano gesti, idee, volontà, desideri, che un giorno ritorneranno utili. Forse…

Elogio dell’inutilità della letteratura.

A che “serve” una rivista letteraria? Probabilmente… a niente!
Facciamo due conti insieme: una rivista, soprattutto quando è letteraria, non sfama e non disseta; una rivista se bruciata nel caminetto produce una fiammata veloce che riscalda poco; non è l’ideale per incartare i regali perché generalmente le riviste letterarie sono in bianco e nero; dal punto di vista politico, tra una poesia ermetica e un saggio sul pessimismo leopardiano, non è proprio il luogo adatto su cui presentare i candidati di qualche elezione imminente con le loro ipocrite promesse falsamente positive sul futuro dei giovani e altre romantiche amenità pre-elettorali… Vediamo, ancora: una rivista letteraria dal punto di vista commerciale, soprattutto quando è trimestrale o quadrimestrale, non va assolutamente bene per le pubblicità di chi deve suggerire quotidianamente un prodotto da acquistare; non è adatta nemmeno per polemizzare in tempo reale o per preparare una rivoluzione a breve scadenza… Insomma: dal punto di vista pratico e realistico una rivista letteraria è proprio l’ultimo posto su cui consiglierei a un amico di depositare le esigenze più urgenti che lo affliggono in qualità di essere umano bisognoso di risposte veloci e sostanziose.
La rivista letteraria, in poche parole, è un luogo sperduto, senza tempo e dimenticato dall’homo faber che percorre – bontà sua! – le strade di una solare produttività tesa al benessere proprio e della società. E’ un luogo sì fisico, in quanto fatto di carta che può essere toccata, ma al tempo stesso immateriale, dietrologico, arrovellante, immaginifico, retrovisivo e quindi pericoloso; un simposio della parola da frequentare con parsimonia se non si vogliono perdere i contatti con quella realtà che ci educa alla sopravvivenza in uno stato materiale fatto di regole e ci omologa impedendoci di formulare a noi stessi alcune domande tramite il testo letterario (sia esso narrativo, poetico…).

E già, perché la rivista letteraria in genere ha questo effetto: pur essendo lontana dalle conseguenze socio-politicamente devastanti del cosiddetto “giornalismo d’assalto” che mette in piazza le negligenze dei politici (ir)responsabili e utilizzando alcuni “ingenui” scritti editi o inediti, ci induce a pensare e, se la rivista è buona, a renderci sensibili nei confronti di alcuni argomenti umani e umanizzanti, solo apparentemente lontani dalla letteratura e dalla scrittura creativa. Pensare, ho detto, ma addirittura andando a volte al di là del pensiero stesso ci permette di solcare i mari inesplorati dell’inconscio e della storia ufficiosa che emerge dal testo.
La rivista letteraria, come un buon libro o una musica che ascoltiamo con una certa partecipazione, consente al lettore di isolarsi per un attimo dal trambusto della vita quotidiana e, seguendo le angolazioni inusuali proposte dagli autori di turno, di penetrare l’intima trama dell’esistenza di certi personaggi irreali e, tramite loro, di indagare su noi stessi e sul nostro interagire sociale condizionato da passioni ideologiche, esperienze passate, speranze future…
La scrittura è fatta così: non assicura solidità materiale e non promette posti di lavoro. Ma annulla quelle incrostate connessioni con l’immanente dando a ognuno di noi la possibilità di volare!
E scusate se è poco.

Michele Nigro



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

Also sprach

RIFLESSIONI E POESIE

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe, in arte "Joseph Barbarossa" - scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Emanuele-Marcuccio's Blog

Per una strada e altre storie...

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

La legenda di Carlo Menzinger

libri: i miei, i tuoi, i suoi, i nostri, i vostri e i loro.

R. Tiziana Bruno

(ladri di favole)

DEDALUS: corsi, testi e contesti di volo letterario

Appunti e progetti, tra mura e spazi liberi

Poesia dal Sottosuolo

(prestarsi al mondo in versi)

Rivista ContemporaneaMente Versi

Rivista di Poesia Contemporanea Sperimentale e Non Solo

i sensi della poesia

e in pasto diedi parole e carne

La Camera Scura - il blog di Vincenzo Barone Lumaga

Parole, storie, pensieri, incubi e deliri

HyperNext

Connettivisti nel cyberspazio / Movimento in tempo reale

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: