Archivio per baroni

Il poliziotto che amava i libri

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 3 marzo 2011 by Michele Nigro

<<… E fu con questo stato d’animo che una mattina del ‘mitico’ 1968, lui e altri suoi colleghi della Celere furono scaricati in massa nella zona universitaria di Valle Giulia a Roma. Sembrava una normale manifestazione studentesca contro quei ‘baroni ammuffiti’ che rappresentavano una società da combattere e riformare. Ma non fu così… Cominciarono a volare sedie e scrivanie dai piani alti della facoltà di Architettura. Qualcuno tentò anche di defenestrare chi resisteva all’impeto riformatore del Movimento Studentesco. La Polizia intervenne ma gli scontri furono violenti: teste rotte, mezzi della Questura incendiati, poliziotti feriti e studenti inferociti… Ernesto se la cavò con una sassata di piccolo calibro sull’elmetto, ma molti poliziotti rimasero a terra feriti. Gli stessi dirigenti della Celere non si aspettavano una tale reazione violenta…>>

(tratto da Il poliziotto che amava i libri)

AUDIO CORRELATO: “Qui” di Antonello Venditti

Il mio attimo fuggente

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 17 settembre 2010 by Michele Nigro

Il destino del legno

E nel mentre che l’anziano Professore Egidio Quaranta – Ordinario di Metrica presso l’Università di Tediopoli – si apprestava a concludere l’annosa lezione trita e ritrita (intitolata: Misurare la poesia, misurare la vita), tutti udirono quel sinistro scricchiolio che preannunciava la tanto agognata liberazione…

La vecchia cattedra, ormai porosa, cedette rovinosamente sotto il peso degli anni, a suo dire navigati, della sedicente saggezza di cui il “Prof” si fregiava con gli amici poveri e le donnine engagé del Caffè in viale Europa e delle inutili parole colme di quell’educato e accorto pessimismo che avevano caratterizzato il lungo periodo della sua pedante carriera universitaria diluita con sprazzi di militante intellettualismo.

Squadre insonni di irriverenti e nevrotiche tarme votate all’antiaccademismo concludevano, così, la loro necessaria missione pluridecennale a dispetto di ammuffiti compendi e manuali privi di entusiasmo.

Un chimerico buonismo piccolo borghese, ricco di arrugginenti offerte in denaro e consigli paterni intrisi d’insicurezza, aveva fatto il resto su chiodi e giunture…! La cattedra era inesorabilmente persa!

Ci vollero diverse ore per estrarre il corpo del vegliardo da sotto le macerie legnose. E, quel che è peggio, nessuno dei “cari”, ad eccezione della sua anziana colf ucraina, che non aveva mai rappresentato per lui una minaccia intellettuale, si accostò all’obitorio. Forse gli sprovveduti temevano che, destandosi dal sonno eterno ed in preda a riesumati attacchi di igienismo culturale, il Professore recriminasse sull’arredamento interno della bara, sul doppiopetto gessato con cui l’avrebbero inumato e sulle diversità dendrologiche esistenti tra il ciliegio del suo vicino di cassa, un giovane impiegato delle Poste ucciso da un’indefinita malattia contratta in un ristorante cinese, e il platano in cui giaceva senza nemmeno il conforto del vessillo di partito.

‘A sciorta d’‘o llignamme

Pe tramènte ca ‘o viecchio Prufessore Eggidio Quaranta – Urdinario de Mettrica a ll’Uneverzetà de Sfasteriopoli – steva purtanno a concrusione ‘na palla ‘e lezzione (chiammata Ammesurà ‘a puvesìa, ammesurà ‘a vita), tutte quante ausiolarono chillo zerrechezè c’annecheleva e che strummettiava ’a tanto abbramata lebberazzione.

‘A vecchia càtetra, oramaje ‘mpapicciata, scarrupaje a precepizio sotto ‘o pìsemo de ll’anne, a ddirla ‘ntutto truttate, d’‘o fàuzo jodìzio ca ‘o “Prufessore” deva ‘e sé stisso, che sfurgiava ‘nnante a ll’ammice puverielle, a lle sciantoselle ‘mpignate d’‘o Cafè a llo Stratone Aròpa e de mutte enùtele enchiute de chella alleccata seccetùdene che steva ‘mperecuócolo ‘ncoppa a pelosa carrera uneverzetaria, allascata cu sputazzelle de protanquànquero ‘ntellettualìsemo.

Squatriglie ‘nzunnulute de pàppece scassacazze e nevròtece, appercantate d’‘o meglio anti-accademìsemo, scumpetévano porzì ‘a necessaria, antesecula concrusione pe fa straviério de cumpénnie e cumpenniélle ammuscenute, sine antoseàseno.

‘N abbaglio crestiano o chi sa cche, d’ommo qualesìase, ‘mpurpato ê ‘nferte arruzzenute de quibbusse e patierne cunsurtazzione ‘mprignate ‘e malannagge, aveva fatto ‘o riesto ‘ncoppa a cchiuove e gghiònte…! ‘A càtedra era perza senza cazze appènnere!

Ce vulètte àutro e àutro tiempo pe caccià fora ‘o catàvero d’‘a sotto ‘a ruttamma. E, quotpejo, nisciuno, a pparte chella vecchia zambracca ucraeìna, la quale nunn era maje stata pe isso na menaccia ‘ntellettuale, s’abbecenaje ‘o sarmatòrio. Forze ‘e ‘nzicco-‘nzacco temmevano che, scetàtese d’‘o suonno eterno e tarantulate da ll’acciesso d’arcestruzejone, ‘o Professore s’allamentasse ‘ncoppa a mubiglia finale, ‘ncoppa ‘o gessato co llo quale l’avessero atterrato, e ‘ncoppa ‘a defferenzia arvoreològgeca asistente tra ‘o ceràso d’‘o bbecino de cascia – nu giovane zucagnosta d’‘e Pposte ‘nfettato e acciso da nu curiuse pànteco pigliato dint’‘a na tratturia cenésa – e ‘o chiàteno addó accucciava, senza manco ll’addefrisco d’‘o stendardo d’‘o Partito.

(traduzione in lingua napoletana a cura di Mario Visone)

Pomeriggi perduti

quasi un litblog di Michele Nigro

POLISCRITTURE 3

laboratorio di cultura critica

Mille Splendidi Libri e non solo

"Un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

Poetarum Silva

- Nie wieder Zensur in der Kunst -

Leggo e cammino

Amo leggere, amo camminare e amo fare le due cose insieme (non è così difficile come sembra)

Maria Pina Ciancio

Quaderno di poesia on-line

LucaniArt Magazine

Riflessioni. Incontri. Contaminazioni.

Fantascritture - blog di fantascienza, fantasy, horror e weird di gian filippo pizzo

fantascienza e fantastico nei libri e nei film (ma anche altro)

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

internopoesia.com/

Il blog di Interno Poesia

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Emanuele-Marcuccio's Blog

Ogni poesia nasce dalla meraviglia...

DEDALUS: corsi, testi e contesti di volo letterario

Appunti e progetti, tra mura e spazi liberi

i sensi della poesia

e in pasto diedi parole e carne

La Camera Scura - il blog di Vincenzo Barone Lumaga

Parole, storie, pensieri, incubi e deliri

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: