Archivio per Terra

Poesia triviale di amore e morte

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 5 agosto 2017 by Michele Nigro

Mi condusse nel bosco della fiducia

e abusò della mia benevolenza,

per ore

senza dire una parola

raccontò tutto del suo ego

e me lo mostrò,

con colpi ritmati di piacere

strofinando la mia schiena nuda

sulla corteccia del nostro

talamo fogliato.

 

A mò di anello

con la fascetta rossa

dell’ultimo Partagás

intorno al dito raggrinzito

da umidi connubi solitari

le chiesi di unirsi a me

sul baratro di un bucolico caos.

 

Bifolco vuol dire

due volte folk

ed eravate coppia impopolare

di verderame e stanchezza.

 

C’è gente che

è vestita bene

solo da morta,

e allora lei morì

per vedersi bella

dal cielo.

L’eleganza nella bara

di castagno voyeur

testimone legnoso del loro

giovanile amplesso

fece dimenticare

l’indegno barcollio da birra

tornando di sera, ormai vecchi

da terre lavorate bestemmiando

irrigate con lacrime di pelle

e le risate in vita

dell’intero paese.

(immagine: Vincent van Gogh –

Contadino e contadina che seminano patate, 1885)

 

 

 

Imbrunire battipagliese

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 agosto 2015 by Michele Nigro

Imbrunire battipagliese

(foto by M. Nigro, “Tramonto ipercromatico dalla mia finestra”)

A world of words

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 3 novembre 2014 by Michele Nigro

10615475_861072917259905_3454842266322227057_n

Le parole pronunciate oggi

e quelle scritte con fierezza

risiedono nelle viscere fetide

del mondo

da prima che tu nascessi

da prima dell’uomo.

Non crei nulla,

…………………

rilassati!

Oktoberfest

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 17 ottobre 2014 by Michele Nigro

vincentvangoghvilaledei

Omaggio a una ciclica caducità, come morti in battaglia

senza speranza cadono foglie stanche

di vite brevi soleggiate e gloriose,

segni ingialliti di una lenta resa stagionale.

Si lasciano andare

ebbre di ricordi estivi al sapor di clorofilla

lungo linee di gravità trasversale

al ritmo di espirazioni ventose.

Piccoli uomini fatti di rami nodosi

legati con spaghi di tempo,

sacerdoti inconsapevoli in templi viventi

pulsanti di linfa sotto tetti di cielo

con gesti magici ereditati

compiono riti arcaici

graditi a un dio agricolo dimenticato.

In anticipo sul Generale

spinti dal cambio d’umore di una terra

in mutazione cromatica

conservano spicchi di natura

energia colorata dietro preziosi vetri rozzi

per le tavole di domani.

Nuovi silenzi nei boschi e nuovi frutti

nutrono le quiete scelte radicali.

Un suono di campana

annuncia la fine della guerra

e l’inizio di dolci esili.

Bomba o non bomba, noi arriveremo a Roma!

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 25 settembre 2014 by Michele Nigro

ISIS MILITANT

BOMBA O NON BOMBA, NOI ARRIVEREMO A ROMA!

I temibili guerriglieri dell’Isis provenienti dalla Turchia, dopo aver sconfitto le ultime sacche di resistenza infedele esistenti nei Balcani, giungono indisturbati sulle sponde dell’Adriatico. Decidono, senza esitare e in preda a un’esaltante euforia pseudoreligiosa, di realizzare finalmente le minacce, pronunciate nei mesi precedenti, contro Roma e contro l’occidente cristiano. Così, dopo aver formato una flottiglia di imbarcazioni “prese in prestito” con la forza, attraversano a tutta velocità il mare che li separa dal centro del male, approdando sulla tanto agognata penisola italica, piena di crocifissi da bruciare, di cristiani da sgozzare e di donne da sequestrare.

Appena sbarcati sul suolo italiano, però, li accoglie un forte temporale: un fiume di fango formatosi in maniera repentina travolge e uccide il primo migliaio di jihadisti, abituati ai mari di sabbia dei loro deserti e non ai fiumi di fango di un paese che va in tilt non appena piove. Per nulla sconfortati – perché “Allah è grande!” e vede oltre le disgrazie – proseguono fedeli e giungono nella cosiddetta “terra dei fuochi” dove altre centinaia di soldati votati al martirio trovano la morte, uccisi da tumori fulminanti, raggiungendo le 72 mogli vergini nel paradiso promesso dall’amato profeta Maometto. Mentre si allontanano a gambe levate dalla zona cancerogena, un’autobomba destinata a un noto magistrato anticamorra per errore viene fatta esplodere in anticipo dal dito impulsivo del camorrista latitante Vicienz ‘o Sultan, e uccide sul colpo altre decine di soldati islamici. L’armata dell’Isis, un po’ ridotta di numero ma ancora possente, prosegue imperterrita verso Roma: tuttavia un terremoto del IV grado della scala Mercalli e una conseguente frana decimano ulteriormente le fila del nero esercito. Il capo delle truppe islamiche decide allora di andare per mare, evitando il percorso di terra rivelatosi alquanto sfortunato, ma il capitano della nave dirottata dall’Isis decide di fare un “inchino” davanti all’isola di Ponza. La nave becca uno scoglio e a causa di uno squarcio nello scafo affonda inesorabilmente in pochi minuti: altri santi martiri, morti affogati a causa di quella manovra scellerata, si aggiungono all’elenco.

Giunte finalmente nei pressi di Roma, le poche centinaia di guerriglieri sopravvissuti al naufragio trovano il grande raccordo anulare intasato da un tappo metallico di auto ferme con il motore spento a causa di uno sciopero congiunto dei casellanti e dei benzinai. Decidono così di proseguire a piedi fino a un certo punto e di usare poi un mezzo poco consono allo spirito della missione e all’immagine di un’armata rappresentante un potente califfato: la metropolitana. Ma una “bomba d’acqua” sulla capitale mette fuori uso le centraline elettriche delle linee di Roma Metro. Così, dopo una lunghissima camminata, giunti nei pressi dello Stadio Olimpico, e in coincidenza con il 90° minuto di una partita di calcio terminata con la cocente sconfitta della squadra giallorossa, s’imbattono in un gruppo incazzatissimo di tifosi romanisti, capeggiati dal famigerato curvista Cesare detto “Centosberle” di Centocelle, i quali, vedendoli vestiti di nero, li scambiano per una delegazione di arbitri: pistolettate e coltellate a gogò… Altri morti tra i soldati di Allah. I pochi superstiti, allontanatisi miracolosamente dalla zona dell’Olimpico, incontrano però un nutrito plotone di poliziotti in tenuta antisommossa (e già da diversi giorni di umore pessimo a causa della “spending review” attuata dal governo sulle forze dell’ordine) provenienti da una violenta manifestazione, appena conclusasi, organizzata dai sindacati per protestare contro il Jobs Act di Renzi. Scambiandoli per Black Bloc – sempre per il fatto di essere vestiti di nero – i poliziotti “consumano” i manganelli sulla schiena dei jihadisti e ne spediscono un consistente numero ai vari CTO della capitale. Ridotti a una decina, i poveri soldati dell’Isis arrivano miracolosamente in Vaticano, non più per conquistarlo ormai ma solo per chiedere asilo politico e per rifocillarsi presso la mensa della Caritas in compagnia di Papa Francesco. Ad accoglierli un untuoso cardinale sospettato in passato di essere coinvolto in alcuni casi di pedofilia e di abusi sessuali su seminaristi il quale, rivolgendosi al più giovane dei jihadisti esclama: “Siete così abbronzati e carini ma soprattutto siete tanto stanchi e affamati dopo tutto questo cammino: venite con me, vi ospiterò nella mia canonica!” Amen.

CONQUISTARE ROMA… MA VI CONVIENE?

Elementi

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 23 giugno 2014 by Michele Nigro

Exif_JPEG_422

Non lasciarti distrarre dal colore della mia pelle

un giorno non molto lontano sarà polvere

trasportata dal vento del tempo.

Osserva gli elementi eterni in movimento

riflessi nel mio sguardo di vetro

aria, acqua, terra, fuoco

trasformazione ciclica della bellezza cosmica

futura inconsapevole dimora.

Un attimo perfetto, privo di paure umane

fissato nella roccia nera della nuda verità.

E sorrido…

Tempesta solare

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 9 gennaio 2014 by Michele Nigro

Vento-solare

Una macchia

compare sul volto della divinità

brillamenti, moniti dall’infinito

disturbano

la gloriosa esistenza del piccolo uomo.

Effetti cosmici

sull’umore tecnologico di scimmie evolute

e radiazioni

sulla pelle elettrica della civiltà.

Navigo a vista in un mare di plasma

tra uragani magnetici

e aurore colorate di morte.

Eruzioni stellari di energia

provocano

un blackout dell’orgoglio mammifero,

il delirio di onnipotenza

devia la sua rotta.

“Due mondi” e l’ecologismo postumano di Francesco Verso

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 2 maggio 2012 by Michele Nigro

Speranza: è la parola che proporrei se fossi costretto da un gioco di sintesi a scegliere un termine in grado di rappresentare il mio stato d’animo dopo la lettura del racconto “Due mondi” di Francesco Verso (collana Capsule – ed. Kipple).

“Due mondi” è una storia ‘post cataclismatica’ che il Ballard de “Il mondo sommerso” avrebbe senza dubbio apprezzato: se non altro per il riferimento indiretto all’archeopsiche, all’immaginario collettivo dei postumani protagonisti del racconto, gli Aeromanti e gli Aquamanti, che popolano un futuro pianeta Terra profondamente modificato. Da apprezzare la scelta di non collocare il destino postumano dei terrestri nello spazio, proiettandoli verso obiettivi intergalattici inflazionati.

È un racconto portatore di un chiaro messaggio ecologista e animato da una sorta di mini-quest: l’Autore oscilla tra la fiducia nella scienza, e nella biotecnologia in particolare (Francesco Verso è un autore trans-postumanista “dichiarato”), e la consapevolezza visionaria che dovrebbe accompagnare – per evitare catastrofiche derive scientiste – le azioni degli utilizzatori finali di una scienza che svela meccanismi intimi. Nella ricerca di una Torre del Seme (già in altre occasioni letterarie, il raggiungimento di altre autorevoli torri ha simboleggiato la fine della quest e l’inizio di un’epoca migliore) s’intravede il “destino genetico” della Terra e la possibilità concreta di un futuro. La biotecnologia come problema e soluzione.

In “Due mondi” un forte didascalismo scientifico impregna persino i dialoghi che non costituiscono i punti forti del racconto: tutto deve contribuire a spiegare, nel breve spazio di una novella, un processo di trasformazione che ha attraversato i secoli. Un didascalismo necessario, insomma, che innalza l’atmosfera epica di una storia fantastica ma che poggia su basi scientifiche. Il racconto di Verso è un science fantasy in piena regola che non rischia mai di esondare nel grottesco.

A dispetto di certe scellerate teorie estinzioniste, che intravedono nella scomparsa della razza umana l’unica soluzione possibile ai mali del mondo, in “Due mondi” l’evoluzione postumana e la conservazione della memoria rappresentano gli unici veri strumenti della speranza. Fa piacere, quindi, constatare che nel punto di congiunzione tra i due mondi descritti da Verso a non essersi ancora estinta è proprio la solidarietà: quella esistente tra i “diversi” – gli Aeromanti e gli Aquamanti – e che spesso nella storia umana ‘reale’ ha rappresentato la carta vincente dal punto di vista socio-culturale, genetico, geopolitico… Una solidarietà tra diversi, insolita ma non impossibile, che contrasta con il rapporto crudele esistente, ad esempio, tra Eloi e Morlock nel film “L’uomo che visse nel futuro” di George Pal, tratto dal romanzo di H. G. Wells “La macchina del tempo”.

Rispettata, invece, è la visione ‘purgatoriale’ della tradizione post apocalittica: ancora una volta l’essere umano, seppur evoluto e dimentico del proprio cammino filogenetico, è costretto a toccare il fondo, a sfiorare l’estinzione e a perdersi nei meandri del tempo prima di poter riconquistare quella coscienza collettiva necessaria a una salvifica risalita. Una rinascita umile, vitale, urgente e non dettata da interessi economici e politici. La prospettiva di un ritorno su passi evolutivi già compiuti – dal mare alla terra – in epoche remote ma impresse in una sorta di ‘immaginario genetico’ trasmesso nei secoli da una generazione all’altra. La riscoperta del valore della terra quale panacea di tutte le crisi: il gesto naturale della semina da contrapporre alle sofisticazioni genetiche del passato.

Numerosi sono i rimandi letterari e cinematografici riscontrabili nel racconto “Due mondi” di Francesco Verso: dal panecologismo del film “Avatar” all’epopea umana descritta nel romanzo “Infinito” di Olaf Stapledon; dall’invito a ‘volare alto’ de “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach alla speranzosa voglia di rinascita del mondo post apocalittico di “Conan il ragazzo del futuro”, l’anime di Hayao Miyazaki tratto dal romanzo “The incredible tide” di Alexander Key. Dalla solidarietà tra “diversi”, ovvero tra volatili e felini, magistralmente descritta nel film d’animazione “La gabbianella e il gatto”, tratto da un romanzo di Luis Sepúlveda, allo scenario ‘acquatico’ del film post apocalittico (e direi anche postumano) “Waterworld” diretto da Kevin Reynolds.

Come accade con la migliore letteratura fantastica/fantascientifica, “Due mondi” propone al lettore una visione sul futuro e una seria riflessione sulle scelte di oggi.

(nella foto: Francesco Verso)

Un posto al sole

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , on 1 marzo 2011 by Michele Nigro

Un posto al sole

Quando l’abitante di Lucifera vide la sua lama affondare nella pelle scura dell’avversario, capì che ancora una volta il suo angolo di luce non sarebbe stato violato.

Un riflesso partito dal metallo dell’arma, illuminando il torace del perdente fino a lambire il collo e la mascella, aveva finito per evidenziare un rivolo vermiglio: il sangue dell’altro come dono sacrificale da offrire al dio sole.

Lucifera e Nictalopia, i due emisferi del pianeta dalla doppia faccia: l’uno perennemente illuminato, l’altro condannato all’oscurità eterna. Da millenni, da quando il lento ma inesorabile mutare del moto rotatorio aveva costretto metà della popolazione di Statikos ad attendere la morte immersa in una notte senza fine, il pianeta viveva in uno stato di guerra permanente: dapprima furono le pallide genti di Nictalopia a muovere battaglia contro i fortunati abitanti di Lucifera. La disperata conquista dei raggi solari necessari per produrre cibo ed energia aveva causato un nuovo odio fratricida.

In seguito alla definitiva sconfitta degli abitanti del lato oscuro, il conflitto aveva trovato una diversa fonte d’ispirazione nel sovraffollamento di Lucifera: la vincente popolazione dell’emisfero illuminato era cresciuta a dismisura e la difesa del proprio posto al sole rappresentava ormai la priorità dei sopravvissuti vincitori.

Combattere con tutte le proprie forze per restare nella luce o migrare verso Nictalopia e andare incontro a morte certa.

Le periodiche stragi gladiatorie organizzate dal Governatore di Lucifera servivano a ristabilire l’equilibrio sotto il sole: la guerra, sola igiene del mondo illuminato. Ma si trattava di una guerra ripartita nel tempo e scientificamente organizzata, di una mattanza progettata secoli addietro e divenuta pian piano usanza tribale, appuntamento pubblico, gioco necessario, per alcuni rito religioso propiziatorio…

Il vincente abitante di Lucifera estrasse il fendente dal corpo esanime del concorrente scelto dalla sorte. Non conosceva il nome di quel casuale conterraneo steso morto dinanzi ai suoi piedi e non aveva nutrito odio nei suoi confronti prima del combattimento: aveva solo difeso il suo futuro e la sua fetta di luce. Aveva semplicemente rispettato la feroce legge di Lucifera.

Senza entusiasmo e con un forzato gesto plateale alzò la sua arma insanguinata verso il sole.

La sconfinata valle assolata intorno alla capitale di Lucifera era un luccichio di lame vincitrici. I legittimi proprietari offrivano alla vitale stella la loro vittoria stagionale.

IMMAGINE by PEDRAM ANVARYPOUR

NOTIZIA CORRELATA: “Scoperto pianeta simile alla Terra”

Genesi rossa

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on 28 gennaio 2011 by Michele Nigro

<<… L’Uomo disse: “Sia liberata l’acqua dalle catene di questa terra inospitale.”  L’acqua ghiacciata contenuta nelle calotte polari pian piano si sciolse grazie all’aumentata temperatura dell’atmosfera. Una parte di essa si infiltrò nel terreno arido ricco di canali e nostalgico di antichi corsi d’acqua ormai scomparsi; un’altra parte si fermò sulla superficie del pianeta formando laghi, fiumi, piccoli mari e immensi oceani agitati dal giovane ed esuberante vento marziano. E un’altra parte ancora si trasformò in vapore e si addensò in piccole nuvole, bianche e soffici come quelle della Terra. Alcune di esse divennero più grosse delle altre e, a causa delle polveri rosse trasportate dai venti fino in alta quota, assunsero un colorito tra l’arancione scuro e il nero… Strani lampi dalla forma bizzarra attirarono l’attenzione delle prime generazioni di coloni rinchiusi nelle capsule abitative che sorgevano, ormai numerosissime, intorno al punto d’atterraggio dell’Anno Zero. Una pioggia densa e anomala scese lentamente, a causa della bassa gravità di Marte, verso la superficie assetata del pianeta.

L’Uomo diede nomi differenti alle acque che vide comparire con il trascorrere del tempo… E provò un’immensa gioia nel rivedere quel prezioso liquido responsabile di tanta vita…

E fu sera e fu mattina: Seconda Era.>>

(tratto da Genesi rossa)

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

Also sprach

RIFLESSIONI E POESIE

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe, in arte "Joseph Barbarossa" - scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Emanuele-Marcuccio's Blog

Per una strada e altre storie...

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

La legenda di Carlo Menzinger

libri: i miei, i tuoi, i suoi, i nostri, i vostri e i loro.

R. Tiziana Bruno

(ladri di favole)

DEDALUS: corsi, testi e contesti di volo letterario

Appunti e progetti, tra mura e spazi liberi

Poesia dal Sottosuolo

(prestarsi al mondo in versi)

Rivista ContemporaneaMente Versi

Rivista di Poesia Contemporanea Sperimentale e Non Solo

i sensi della poesia

e in pasto diedi parole e carne

La Camera Scura - il blog di Vincenzo Barone Lumaga

Parole, storie, pensieri, incubi e deliri

HyperNext

Connettivisti nel cyberspazio / Movimento in tempo reale

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: