Archivio per vite parallele

Orchestra da campo

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 25 giugno 2017 by Michele Nigro

Una voliera senza sbarre

accoglie l’infinito vivente,

sotto cieli azzurri

adornati di nuvole panna

un canto polifonico d’uccelli.

 

Ogni specie

una rotta nell’aria

una quota prestabilita

un’usanza

un richiamo innato,

incrocio armonico di cori pennuti

di naturali esigenze

di volatili vicende.

 

Un assolo di falco, dall’alto

azzittisce

il ciarlare di folle passeracee

il tututù tututù colombico

lo stridio rondinoso

l’orologiare dell’upupa

e i pettegolezzi cornacchianti

su antenne umane.

 

Un sottofondo di vento caldo

tra foglie suonate come fiati

ridisegna le correnti,

musica scaramantica

contro il fardello della gravità.

Annunci

Imprinting

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 9 luglio 2015 by Michele Nigro

into_the_multiverse_by_aponom

(Pompei, 1971 – 2015)

Guidato da passi sapienti, ripercorro strade rimosse

di una vita passata, un abbozzo sospeso

embrione di quello che non fu

ricordi inossidabili impolverati di tempo

frammenti di memorie

non del tutto seppellite

dagli attacchi del presente.

Ipotizzo per gioco esistenze parallele

potenziali, non espresse

un altro possibile me

cammina al fianco dell’uomo di oggi.

Vorrei salire le scale primordiali

bussare alla porta dell’imprinting

entrare in quella prima casa

abitata da generazioni estranee.

L’istinto incalza e mi lascio distrarre

da spensierati locali al neon,

lì dove acerbi mescitori

scimmiottano in abiti moderni

culinarie vestigia romane.

konrad-lorenz

Fuga in avanti

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 31 marzo 2015 by Michele Nigro

10917092_337533286446404_1267009996011395277_n

Spostarsi in avanti con il corpo

a seguire una mente già libera

in viaggio da secoli

attraverso spazio e tempo.

Figure care e pesanti mi rallentano, parole inutili,

schemi abituali, gesti prigionieri di un déjà vu

abbandonati con naturalezza

lungo la strada, per sopravvivere.

Il desiderio di diventare sordo all’oggi

estremo atto liberatorio,

l’onda d’urto dell’insoddisfazione

proietta vestigia ancora calde

verso probabili futuri.

Dietro di te involucri

di esistenze pregresse

come conchiglie frantumate

su spiagge interiori.

Free Highway

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 24 gennaio 2015 by Michele Nigro

traffico_visite_blog_sito_seo

(Sliding Doors)

Parole e gesti un tempo familiari

riaffiorano casuali dal passato,

ancora oggi mi meraviglio

delle innumerevoli vite vissute

sembravano così vere e intoccabili

degli stili indossati e poi dismessi

panni stranieri di scelte lontane

duri a morire, convivono in me.

Universi paralleli, potenziali esistenze

congelate in scatti fotografici come prove di antichi omicidi,

shock addizionali deviano percorsi ereditati,

non hanno alcun effetto le psicologie da salotto

le pause di riflessione, le sentenze e i rimedi della nonna.

Per un istante, da una corsia parallela

persone conosciute in epoche remote

attraverso sfocati varchi spaziotemporali

salutano con un cenno della mano.

Tra queste mi riconosco, ci sono anch’io

senza avere nostalgia di me

proseguo su una via che tutti si ostinano

a chiamare realtà.

Distant Worlds

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 22 novembre 2014 by Michele Nigro

10343674_10205509121598107_5235078748245250868_n

Mondi diversi, lontanissimi

eppure vicini si sfiorano, lembi casuali

in ognuno una lingua astrusa

barriera cortese contro

accidentali diluizioni.

Esperienze culturali,

vibrazioni opposte come voci

risalenti da folle di mercato.

Incontri comici, a volte

poi ritornano a reggere, paralleli

il proprio angolo di universo

credendosi centro, verità unica

in storie impermanenti.

Un cielo materno

punteggiato di ali

accoglie le invisibili rotte

di razze e destini astrali.

(omaggio terrestre ai Mondi lontanissimi di Franco Battiato)

Postcards

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 16 novembre 2014 by Michele Nigro

cartoline-dalleuropa

Da una scatola risalente a vite archiviate

dimenticata sulla cima del monte armadio

sorridenti saluti rettangolari dal mondo

giovanili e fiduciosi come speranze appena scartate

inondano l’epoca delle immediate parole elettriche.

Forse a quest’ora i colleghi scordati li ho già.

Niente più stormi in volo,

solo fugaci solitari sguardi dall’alto

su silenziosi porti in disuso.

(il verso in corsivo è tratto dal brano Colleghi trascurati di Paolo Conte)

Scala di grigi

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 18 maggio 2014 by Michele Nigro

Incatenati al bianco o al nero

assolutismo cromatico esistenziale

negli occhi convinti di chi ascolta senza sentire.

La vita è una scala di grigi spalmata nel tempo,

nessuna verità, risposte intrecciate e complesse

offendono la sicurezza di chi cataloga facili conclusioni.

In attesa di zone mentali con orizzonti curvi

sospendo il giudizio

evitando la zoologia colorata dell’ovvio.

scala-di-grigi-fc9b94cb-580b-4a22-a4d8-d6c73fb9ef64

Grasso che cola

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 febbraio 2014 by Michele Nigro

08022012IMG_6345Modifica

L’imbarazzo della scelta

alberga lì dove

il grasso cola.

Quante possibilità sprecate

per mancanza di fede,

solo chi conosce lo schema di gioco

sperimenta spavaldo

aprendo le porte della realtà.

Vite parallele urlano nel buio

assetate di se stesse,

sordi al richiamo del coraggio

armeggiamo tra ipotesi, alibi

e falsi torti.

Vite sospese e caute, in attesa di un sisma

ignorano gli anni migliori dell’incoscienza

credendo alla crisi dei mercati.

Attori recitano per inerzia

la parte delle vittime sane.

Non sperano, non cercano, non immaginano più,

non rischiano

prigionieri ormai di una mortale presunzione.

Comunione

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , on 15 ottobre 2011 by Michele Nigro

<<Ma perché si legge?

Il primo equivoco da evitare è quello di una lettura pensata in funzione dell’evasione: abbiamo già detto in precedenza che l’evasione propriamente detta conduce l’uomo a un totale disimpegno politico ed esistenziale e quindi appare inconcepibile mettere sullo stesso piano la lettura portatrice di impegno interiore e l’evasione. Nel momento in cui leggiamo partecipiamo alle vicende riguardanti i personaggi del libro e in un certo senso è come se vivessimo più esistenze in una: la nostra. Altro che evasione! Si dovrebbe parlare, invece, di comunione cartacea con tutti i mondi reali o immaginati che incontriamo durante i nostri viaggi scritti.>>

(da “La bistecca di Matrix”, pag. 21-22)

Ucronie e Giorno della Memoria

Posted in nigrologia with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on 27 gennaio 2011 by Michele Nigro

<<… L’esistenza non è una strada rinchiusa tra due invalicabili muri di pietra: spesso il cammino dell’uomo è interrotto da sottopassaggi, sopraelevate, incroci custoditi, piccole stradine a fondo cieco e bivi. Non ne comprendiamo la funzione fino a quando non ci viene presentata la necessità di cambiare direzione e quando ciò accade pensiamo ancora di percorrere il tragitto che noi crediamo di aver deciso di percorrere.

Ma non è così. La presunzione umana si sviluppa contemporaneamente all’inconsapevolezza che ne caratterizza le gesta. Anche l’uomo più determinato nella sua follia e ideologicamente appassionato è sottoposto a tale regola; anzi, la pressione evolutiva che accompagna le decisioni di tali uomini è maggiore che in altri e ha un effetto coadiuvante su quegli storici cambiamenti di rotta che non conosceremo mai.

Perché tali personaggi pensano di essere loro stessi i demiurghi delle variazioni di percorso e non il caso o chissà che… Poveri illusi: vittime della stessa vana gloria di un granello di sabbia che vaga sospinto tra le onde dell’oceano, illudendosi di nuotare.>>

(tratto da Vite parallele)

POST CORRELATI:

Le “Vite parallele” e il minimalismo plastico

Ucronie: le cellule staminali della Storia

fantascritture - il blog di gian filippo pizzo

fantascienza e fantastico, ma anche no

Le parole e le cose

Letteratura e realtà

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

Also sprach

RIFLESSIONI E POESIE

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe, in arte "Joseph Barbarossa" - scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Emanuele-Marcuccio's Blog

Per una strada e altre storie...

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

DEDALUS: corsi, testi e contesti di volo letterario

Appunti e progetti, tra mura e spazi liberi

i sensi della poesia

e in pasto diedi parole e carne

La Camera Scura - il blog di Vincenzo Barone Lumaga

Parole, storie, pensieri, incubi e deliri

La Mia Babele

Disorientarsi..per Ritrovarsi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: